Laparoscopia Urologica del Dr.Gaetano Grosso

Nel rispetto dei canoni della chirurgia tradizionale un nuovo concetto di tecnica mininvasiva

Laparoscopia Urologica del Dr.Gaetano Grosso header image 3

3 - Video Interventi

Gli organi dell’apparato uro-genitale sono situati negli spazi extraperitoneali, pertanto è stata particolarmente curata, come usualmente avviene in chirurgia aperta, l’accesso retroperitoneale o preperitoneale, nella convinzione che ciò determini una ulteriore  minore invasività.

LA SURRENALECTOMIA LAPAROSCOPICA RETROPERITONEALE
Paziente in posizione laterale senza spezzare il lettino operatorio;
1° incisone cutanea,  da consentire l’introduzione del dito, alla punta della XII costa, dove verrà posizionato il trocar di Hassan che conterrà l’ottica ;
preparazione digitale dello spazio retroperitoneale ;
introduzione di un  trocar da 12mm e uno da 5mm  all’angolo costo-lombare e all’ascellare media;
scollamento del polo superiore del rene seguendo il piano tra fascia di Gerota e capsula adiposa renale fino a repertare la ghiandola surrenalica;
posizionamento di un eventuale altro trocar da 5mm in prossimità dell’ala iliaca per abbassare il rene;
isolamento del surrene  e chiusura dei vasi con clips o con presidi emostatici;
rimozione dell’organo con un sacchetto estrattore.
Un drenaggio viene lasciato per 24 ore.
Durata del tempo operatorio da 1 a 1 ora e trenta minuti.
Tempo di ospedalizzazione: da 3 a 5 giorni.

LA NEFRECTOMIA LAPAROSCOPICA RETROPERITONEALE
Paziente in posizione laterale senza spezzare il lettino operatorio;
1° incisone cutanea, da consentire l’introduzione del dito, al triangolo di Petit, dove verrà posizionato il trocar di Hassan che conterrà l’ottica ;
preparazione digitale dello spazio retroperitoneale seguendo il piano dei muscoli lombari e dello Psoas;
introduzione di un  trocar da 12mm e uno da 5mm  all’angolo costo-lombare e all’ascellare media in modo che, in una immaginaria lombotomia, nel mezzo vi sia il trocar con l’ottica e ai vertici i trocars operativi;
scollamento della faccia posteriore del rene dal piano dello Psoas fino a identificare e isolare l’arteria e la vena renale;
legatura con clips o con endogia e sezione dei vasi;
posizionamento di un eventuale altro trocar da 5mm in prossimità dell’arcata costale;
isolamento del rene seguendo il piano della capsula propria,
isolamento dell’uretere clippaggio e sezione;
rimozione dell’organo con un sacchetto estrattore.
Un drenaggio viene lasciato per 24 ore.
Durata del tempo operatorio da 1 a 2 ore.
Tempo di ospedalizzazione: da 3 a 4 giorni

NEFRECTOMIA TOTALE O ALLARGATA LAPAROSCOPICA RETROPERITONEALE


encoding and streaming by Lanfree

Paziente in posizione laterale senza spezzare il lettino operatorio;
1° incisone cutanea, da consentire l’introduzione del dito, al triangolo di Petit, dove verrà posizionato il trocar  di Hassan che conterrà l’ottica ;
preparazione digitale dello spazio retroperitoneale seguendo il piano dei muscoli lombari e dello Psoas;
introduzione di un  trocar da 12mm e uno da 5mm  all’angolo costo-lombare e all’ascellare media in modo che, in una immaginaria lombotomia, nel mezzo vi sia il trocar con l’ottica e ai vertici i trocars operativi;
minimo scollamento della faccia posteriore del rene dal piano dello Psoas fino a identificare e isolare l’arteria e la vena renale;
possibile asportazione di linfonodi ilari;
legatura con clips o con endogia e sezione dei vasi;
posizionamento di un eventuale altro trocar da 5mm in prossimità dell’arcata costale;
isolamento del rene seguendo il piano della fascia di Gerota;
rimozione della ghiandola surrenalica in base alla sede del tumore;
isolamento dell’uretere clippaggio e sezione;
rimozione dell’organo con un sacchetto estrattore previo ampliamento della 1° incisione ad una lunghezza complessiva di 7cm.
Un drenaggio viene lasciato per 24 – 48 ore.
Durata del tempo operatorio da 1 a 2 ore.
Tempo di ospedalizzazione: da 3 a 4 giorni.

NEFRO-URETERECTOMIA LAPAROSCOPICA RETROPERITONEALE
Paziente in posizione laterale senza spezzare il lettino operatorio;
1° incisone cutanea, da consentire l’introduzione del dito, al triangolo di Petit, dove verrà posizionato il trocar di Hassan che conterrà l’ottica ;
preparazione digitale dello spazio retroperitoneale seguendo il piano dei muscoli lombari e dello Psoas;
introduzione di un  trocar da 12mm e uno da 5mm  all’angolo costo-lombare e all’ascellare media in modo che, in una immaginaria lombotomia, nel mezzo vi sia il trocar con l’ottica e ai vertici i trocars operativi;
minimo scollamento della faccia posteriore del rene dal piano dello Psoas fino a identificare e isolare l’arteria e la vena renale;
possibile asportazione di linfonodi ilari;
legatura con clips o con endogia e sezione dei vasi;
posizionamento di un eventuale altro trocar da 5mm in prossimità dell’arcata costale;
isolamento del rene seguendo il piano della fascia di Gerota per patologia tumorale, della capsula propia del rene per patologia benigna;
introduzione di un 5° trocar in fossa iliaca;
isolamento dell’uretere fino al suo tratto prevescicale: in caso di tumore si esegue minima incisione sovrapubica da consentire l’estrazione del rene, uretere e l’escissione di cuff vescicole; in caso di malattia benigna lo si clippa e seziona in tale sede;
Un drenaggio viene lasciato per 24 – 36 ore.
Durata del tempo operatorio da 1 a 2 ore.
Tempo di ospedalizzazione: da 3 a 4 giorni.

TUMORECTOMIA O ENUCLEORESEZIONE  RENALE LAPAROSCOPICA RETROPERITONEALE

encoding and streaming by Lanfree

Paziente in posizione laterale senza spezzare il lettino operatorio;
1° incisone cutanea, da consentire l’introduzione del dito, al triangolo di Petit, dove verrà posizionato il trocar di Hassan che conterrà l’ottica ;
preparazione digitale dello spazio retroperitoneale seguendo il piano dei muscoli lombari e dello Psoas;
introduzione di un  trocar da 12mm e da uno 5mm  all’angolo costo-lombare e all’ascellare media in modo che, in una immaginaria lombotomia, nel mezzo vi sia il trocar con l’ottica e ai vertici i trocars operativi;
minimo scollamento della faccia posteriore del rene dal piano dello Psoas fino a identificare e isolare l’arteria e la vena renale;
isolamento del rene fino a identificare la neoformazione;
incisione circolare a circa 5mm  con bisturi ad ultrasuoni;
emostasi  con punti bloccati alle estremità con clips riassorbibili;
rimozione della formazione con sacchetto estrattore.
Un drenaggio viene lasciato per 24 – 36 ore.
Durata del tempo operatorio da 1 a 2 ore.
Tempo di ospedalizzazione: da 3 a 4 giorni.

URETEROLITOTOMIA LAPAROSCOPICA RETROPERITONEALE
Paziente in posizione laterale senza spezzare il lettino operatorio;
1° incisone da consentire l’introduzione del dito al triangolo di Petit, dove verrà posizionato il trocar di Hassan che conterrà l’ottica ;
preparazione digitale dello spazio retroperitoneale seguendo il piano dei muscoli lombari e dello Psoas;
introduzione di un  trocar da 12mm e da uno 5mm  all’angolo costo-lombare e all’ascellare media in modo che, in una immaginaria lombotomia, nel mezzo vi sia il trocar con l’ottica e ai vertici i trocars operativi;
scollamento della fascia di Gerota  dal piano dello Psoas fino a identificare l’uretere;
localizzazione del calcolo e incisione dell’uretere;
rimozione del calcolo;
sutura della breccia ureterale;
Un drenaggio viene lasciato per 24 – 36 ore.
Durata del tempo operatorio da 45 min. a 1 ore.
Tempo di ospedalizzazione: da 3 a 4 giorni

PLASTICA DEL GIUNTO PIELO-URETERALE LAPAROSCOPICA RETROPERITONEALE


encoding and streaming by Lanfree

I° tempo: posizionamento di stent ureterale;
II° tempo: paziente in posizione laterale senza spezzare il lettino operatorio;
1° incisone da consentire l’introduzione del dito al triangolo di Petit, dove verrà posizionato il trocar di Hassan che conterrà l’ottica ;
preparazione digitale dello spazio retroperitoneale seguendo il piano dei muscoli lombari e dello Psoas;
introduzione di un  trocar da 12mm e uno da 5mm  all’angolo costo-lombare e all’ascellare media in modo che, in una immaginaria lombotomia, nel mezzo vi sia il trocar con l’ottica e ai vertici i trocars operativi;
scollamento della faccia posteriore del rene  dal piano dello Psoas fino a identificare  il bacinetto;
isolamento della giunzione pielo-ureterale e dell’uretere lombare;
confezionamento della plastica o Y-V o secondo Anderson-Hynes.
Un drenaggio viene lasciato per 24 – 36 ore.
Durata del tempo operatorio da 1 a 1 ora e 30 min.
Tempo di ospedalizzazione: 5 giorni

CORREZIONE LAPAROSCOPICA RETROPERITONEALE
DI URETERE RETROCAVALE

encoding and streaming by Lanfree

CISTOPESSI SECONDO BURCH  LAPAROSCOPICA PREPERITONEALE
paziente in posizione supina con gambe leggermente divaricate;
1° incisone da consentire l’introduzione del dito sulla linea mediana 1-2 cm sotto l’ombelico, dove verrà posizionato il trocar di Hassan che conterrà l’ottica ;
preparazione dello spazio preperitoneale prima digitalmente poi con palloncino scollatore;
introduzione di altri 2 trocars da 12 e 5 mm in fossa iliaca dx e sin;
apertura della fascia ombelico-prevescicale per accedere al Retzius;
isolamento della fascia pelvica e dei legamenti di Cooper;
confezionamento della cervico-cistopessi sec.Burch con filo o con rete.
Durata del tempo operatorio da 45min.
Tempo di ospedalizzazione: da 2 a 3 giorni.

DIVERTICULECTOMIA VESCICALE LAPAROSCOPICA PREPERITONEALE
I° tempo:  TUR-prostata, un filo-guida  viene  inserito e raggomitolato , per via endoscopica, nel diverticolo;
II° tempo:   1° incisone da consentire l’introduzione del dito sulla linea mediana 1-2 cm sotto l’ombelico, dove verrà posizionato il trocar di Asson che conterrà l’ottica ;
preparazione dello spazio preperitoneale prima digitalmente poi con palloncino scollatore;
introduzione di altri 2 trocars da 12 e 5 mm in fossa iliaca dx e sin;
apertura della fascia ombelico-prevescicale per accedere al Retzius;
individuazione del diverticolo e isolamento;
sezione a livello del colletto;
sutura della breccia vescicole.
Un drenaggio viene lasciato per  2- 4 giorni.
Durata del tempo operatorio complessivo  da 1 a 2 ore.
Tempo di ospedalizzazione: da 3 a 4 giorni

PROSTATECTOMIA RADICALE LAPAROSCOPICA TRANSPERITONEALE
Paziente in posizione supina, lettino in Trendelemburg spinto;
posizionamento 1° trocar contenente l’ottica  nell’ombelico;
introduzione di altri 2 trocars da 12 e 5 mm in fossa iliaca dx e sin e di un 4° trocar da 5mm in sede inguinale sin.;
incisione del peritoneo nello scavo di Douglas  a ridosso delle vescicole seminali  tale da consentire il loro isolamento, dei deferenti e loro sezione e della fascia di Denovillers;
sezione del peritoneo parietale a contornare la cupola vescicale per accedere al retzius;
isolamento della catena linfonodale otturatoria bilateralmente, nei casi dove si ritiene necessario;
isolamento della fascia pelvica;
incisione bilaterale della fascia e peduncolizzazione del complesso venoso dorsale;
punto di emostasi sul plesso del Santorini;
incisione del collo vescicale con o senza suo risparmio a seconda dei casi;
repertazione del piano precedentemente scollato;
emostasi e sezione dei peduncoli prostatici;
individuazione e risparmio dei  fasci neuro-vascolari ( in questa fase è facile lesionarli facendo emostasi);
sezione del complesso venoso dorsale;
preparazione del becco prostatico e sezione dell’uretra;
completamento dell’isolamento della faccia posteriore della prostata;
anastomosi a punti staccati uretro-vescicale previa introduzione di catetere;
rimozione dell’organo con sacchetto estrattore.
Un drenaggio viene lasciato per 3-6 giorni.
Il catetere viene rimosso dopo 5-10 giorni.
Durata del tempo operatorio da 1 a 1 ora e 30 minuti
Tempo di ospedalizzazione: da 3 a 8 giorni.

PROSTATECTOMIA RADICALE LAPAROSCOPICA PREPERITONEALE (PELVIOSCOPICA)


encoding and streaming by Lanfree

Paziente in posizione supina  con gambe leggermente divaricate e con un pilè di circa 8-10 cm sotto il bacino;
1° incisone da consentire l’introduzione del dito sulla linea mediana 1-2 cm sotto l’ombelico, dove verrà posizionato il trocar di Asson che conterrà l’ottica ;
preparazione dello spazio preperitoneale prima digitalmente poi con palloncino scollatore;
introduzione di altri 2 trocars da 12 e 5 mm in fossa iliaca dx e sin, un altro trocar da 5mm è posizionato in pararettale dx sull’ombelicale traversa;
apertura della fascia ombelico-prevescicale per accedere al Retzius;
isolamento della catena linfonodale otturatoria bilateralmente, nei casi dove si ritiene necessario;
incisione del collo vescicale con o senza suo risparmio a seconda dei casi;
emostasi e sezione dei peduncoli prostatici superiori;
scollamento della parete vescicale posteriore dalla prostata fino  reperire il piano della vescicole seminali e deferenti;
isolamento delle vescichette  e dei deferenti che vengono sezionati;
repertazione della fascia di Denovillers e sua incisione;
individuazione e risparmio o no  dei  fasci neuro-vascolari  a seconda dei casi ( in questa fase è facile lesionarli facendo emostasi);
scollamento della faccia posteriore della prostata dal retto ed emostasi dei peduncoli laterali;
isolamento della fascia pelvica;
incisione bilaterale della fascia e peduncolizzazione del complesso venoso dorsale;
punto di emostasi sul plesso del Santorini;
sezione dei legamenti pubo-prostatici e del complesso venoso dorsale con bisturi a ultrasuoni;
preparazione del becco prostatico e sezione dell’uretra;
anastomosi uretro-vescicale con punti staccati previo introduzione di catetere;
rimozione della prostata con sacchetto estrattore con eventuale minimo ampliamento della 1° incisione.
Un drenaggio viene lasciato per 3-6 giorni.
Il catetere viene rimosso dopo 5-10 giorni.
Durata del tempo operatorio da 45 minuti a 1ora e 30 min.
Tempo di ospedalizzazione: da 3 a 8 giorni.

REIMPIANTO DI URETERE IN VESCICA

LINFADENECTOMIA RETROPERITONEALE

CHIUSURA DI FISTOLA VESCICO-VAGINALE

COLPO-SACROPESSIA

CISTECTOMIA + NEO VESCICA ORTOTOPICA